Antiriciclaggio – per i professionisti la carta alternativa all’informatica

Negli archivi della clientela da lunedi 22 maggio prime registrazioni

 

Il 22 maggio scade il primo termine per la registrazione nell’archivio antiriciclaggio dei dati identificativi della clientela dei professionisti e delle informazioni sulla tipologia della prestazione.

Per molti studi la data coincide con l’istituzione dell’archivio. Infatti, il decreto 141/06, in vigore dal 22 aprile, prevede che i dati identificativi e le informazioni siano inseriti nell’archivio tempestivamente e, comunque, non oltre il trentesimo giorno dall’identificazione del cliente (da compiere al momento dell’assunzione del mandato professionale).

La normativa antiriciclaggio entra quindi a regime e richiede agli studi di essere pronti per gli oneri connessi ai servizi professionali. In realtà, non vi è stato molto tempo per metabolizzare le novità e, soprattutto, per predisporre gli strumenti informatici necessari per la gestione dell’archivio, in conformità al provvedimento Uic del 24 febbraio scorso, pubblicato in “Gazzetta Ufficiale” solo il 7 aprile.

Ai tempi lunghi della disciplina attuativa (avrebbe dovuto essere varata entro 240 giorni dal 14 marzo 2004, data di entrata in vigore del Dlgs 56/2004, di recepimento interno della seconda direttiva antiriciclaggio 2001/97/Ce) ha fatto da contraltare un breve lasso temporale per predisporre misure e strumenti necessari al corretto adempimento degli obblighi. Sarebbe stato forse utile prevedere un periodo transitorio prima di far scattare gli obblighi. . Non solo. Sarebbe stato possibile evitare anche interpretazioni e indicazioni distoniche tra provvedimenti diversi. Ci si riferisce, in particolare, alle modalità di tenuta dell’archivio che, l’articolo 6 del decreto 141, al comma 6, indica come informatiche e solo in via residuale su carta, mentre l’Ufficio italiano cambi ritiene facoltative.

Il regolamento ministeriale prevede che in sostituzione dell’archivio informatico il professionista, solo se non dispone di una struttura informatizzata, può tenere un registro su carta. Il provvedimento Uic del 24 febbraio 2006, invece, alla parte  III punto 5, indica che l’archivio può essere tenuto con strumenti informatici o su carta e i chiarimenti diffusi via internet il 18 maggio dallo stesso Ufficio, al punto 4, precisano che il professionista può scegliere di tenere l’archivio su carta, anche se utilizza supporti informatici per svolgere l’attività.

Si ritiene che la scelta su carta possa essere non solo alternativa a quella informatica, per ragioni di semplificazione voluta dall’Autorità di vigilanza, ma diventa l’unica possibile per i professionisti i cui fornitori di software non siano ancora pronti con pacchetti compatibili con gli standard previsti dall’allegato B del provvedimento Uic.

Il registro su carta dovrà essere numerato progressivamente e siglato in ogni pagina dal professionista o da un suo collaboratore autorizzato per iscritto, con l’indicazione, alla fine dell’ultimo foglio, del numero di pagine di cui è composto il documento e
la firma. Non è ammesso l’utilizzo di registri a fogli mobili o quaderni ad anelli. E’ possibile avvalersi di centri di servizio esterni, sotto la responsabilità comunque del professionista.

I dati da registrare sono:

  • generalità del cliente;
  • dati identificativi del soggetto per conto del quale il cliente eventualmente opera;
  • attività lavorativa da questi svolta;
  • data dell’avvenuta identificazione;
  • descrizione sintetica della prestazione professionale;
  • valore dell’oggetto della prestazione professionale, se conosciuto o determinabile.

Se non vi sono dati da registrare, il professionista non è tenuto a istituire l’archivio.

L’omessa istituzione dell’archivio è punita con la sanzione penale dell’arresto da sei mesi ad un anno o con l’ammenda da 5.164 a 25.822 euro. L’omessa o tardiva registrazione sono punite con la multa da 2.582 a 12.911 euro.

Dal Il Sole 24 ore del 21/05/06

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...